venerdì 10 luglio 2020

Vietato ingresso in Italia da 13 paesi: Stati Uniti e Regno Unito?

Con un’ordinanza firmata da Roberto Speranza, a capo del ministero della Salute, il nostro paese ha deciso per il divieto di ingresso e transito ai cittadini che, nei quattordici giorni precedenti al loro arrivo, abbiano soggiornato o transitato nelle
seguenti tredici nazioni: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia ed Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana.
La spiegazione pare sia la seguente: si tratta di nazioni dove «la circolazione del virus è ancora elevata».

Bene, capisco, mi sembra ragionevole. Tuttavia, come al solito, mi sale un dubbio. E, trattandosi del nostro paese, finisco quasi sempre con l’aspettarmi qualche tipo di paradossale discriminazione.
Eh sì, perché i responsabili della delibera dovrebbero spiegarmi come mai tra i suddetti paesi non ci sono anche gli Stati Uniti, il Regno Unito, l’India e la Russia, ai primi posti per numero di casi riscontrati e di decessi per Coronavirus...

Leggi altro su “Il dono della diversità”, Tempesta Editore

Nessun commento:

Posta un commento