mercoledì 17 giugno 2020

Differenze tra noi

Pericoli ce ne sono per Rukia e Hani, ora che abitano a Parigi, è vero. E non tutti nei paesi più ricchi del mondo vivono nuotando nell’oro, tutt’altro. Le contraddizioni abbondano e a pochi metri dal lusso regna povertà assoluta, è un classico.
Tuttavia, sfortunatamente, tutti sappiamo che esistono luoghi nel mondo ove la sopravvivenza è il fondamento del vivere, non l’esistenza. Questa è una delle più sottovalutate differenze tra gli esseri umani. Lo è sicuramente l’Iraq di questi ultimi anni.

Quella sera, Hash e sua moglie erano usciti dalla casa in cui alloggiavamo in quel periodo semplicemente perché l’uomo doveva parlare con suo fratello e lei non volevo restare sola.
Era capitato altre volte, eppure, quella sera si dimostrò meno forte del solito e chiese al marito di poterlo accompagnare.
Benedetto sia il dono della debolezza. Che la vita mantenga intatta la nostra fragilità di bambini e ci aiuti a conservarla come un bene prezioso. Che il tempo non scalfisca le nostre anime di cristallo, con l’inganno di una falsa saggezza.
Questo appresero entrambi quando seduti nell’abitazione dei parenti udirono quel tremendo, crudele e odiato rumore.
Maledette bombe, ma che sia benedetto l'istante in cui Rukia ha avuto paura di rimanere in casa...

Leggi altro su "Nostro figlio è nato", racconto dal libro Amori diversi, Tempesta Editore.

Nessun commento:

Posta un commento