giovedì 6 febbraio 2020

Amicizia e diversità

C’era una volta una nave.
Sulla nave c’era qualcuno in grado di sorridere e a giocare: Hassan e Said.
Sei anni, i due, i quali si conoscevano sin dalla nascita.
Gli inseparabili, li chiamavano così. Nulla di originale. Stavano bene assieme, roba normale. E si compensavano.
Hassan era riservato mentre Said era impertinente. Said era continuamente svagato e Hassan incredibilmente assennato. Hassan era caparbio quanto Said era volubile.
Un classico.
Venne il giorno in cui il mare terminò e i nostri misero piede sulla terra, in Italia. I papà gli comandarono di non allontanarsi da loro, ma i
tempi che seguirono furono assai difficili e gli ostacoli che contrastarono risultarono indescrivibili. I due genitori si pentirono di esser partiti.
Nondimeno, pure in quei ardui momenti, Hassan e Said erano capaci di trovare un motivo per sorridere e giocare.
Trattasi di un regalo della natura ai più piccoli: si chiama leggerezza e andrebbe difesa contro tutto e tutti...

Leggi il resto su “Il dono della diversità”, Tempesta Editore

Nessun commento:

Posta un commento